• Apriamo le nostre mani alla gioia della Vita

Articolo da Il Mattino di Padova (02-11-2003)

Il Mattino di Padova 2 novembre 2003

‘Associazione Erika’ di San Giorgio in Bosco, gara di solidarietà per il piccolo Ramiro
Curato a Padova il dodicenne argentino affetto da una rara malattia

Arriverà a fine novembre Ramiro Palmieri, il bambino di 12 anni, di origine italiana, residente a Rosario, in Argentina, affetto da una rara malattia, la cistinosis. Per aiutare questo ragazzino, l’associazione Erika di San Giorgio in Bosco, ha avviato una collaborazione con l’associazione cardiotrapiantati italiana e l’associazione fraternità missionaria. Obiettivo comune: dare una speranza a Ramiro.
Le associazioni hanno contattato la Croce rossa padovana e hanno sottoscritto un protocollo d’intesa nel quale si impegnano a far arrivare in Italia il bambino in modo che sia preso in cura dal centro di nefrologia – clinica pediatrica dell’ospedale patavino. Tutte e tre le associazioni si sono impegnate a far fronte alle spese relative all’assicurazione per la madre del bambino e le eventuali altre spese relative al soggiorno.
Inoltre la Croce rossa, in base ad una legge regionale, sta chiedendo a Venezia i fondi per coprire le spese dell’assistenza socio – sanitaria. Ramiro, che a 12 anni pesa appena 18 chili, ha una malattia metabolica rara, che richiede esami e cure particolari e costose impossibili nel suo paese.
Per questo le associazioni si sono attivate per accoglierlo in Italia e dargli la speranza di una vita più lunga e migliore. Dovrebbe rimanere qui circa 4 mesi, il tempo necessario per la terapia d’urto, poi tornerà in Argentina fino alla prossima cura dal momento che la cistinosis ha bisogno di terapie ciclicle.
Inoltre Ramiro è anche in lista per il trapianto dei reni visto che la malattia colpisce alcuni organi, fra i quali anche gli occhi, e crea grossi problemi alla crescita. “La permanenza in Italia – spiegano le associazioni coinvolte nel progetto – è favorita anche dalla generosità di una famiglia italiana resasi disponibile ad accogliere madre e figlio nella propria casa per tutto il tempo del soggiorno”.
I tempi stringono, avvertono le associazioni “Non si può aspettare – ricordano – altrimenti diventa inutile l’intervento dei medici”.
I volontari stanno organizzando un gruppo di persone, enti, aziende e associazioni che vogliano prendersi a cuore le sorti del piccolo argentino dal momento che l’impegno anche di spesa è grande.
Per chiunque volesse contribuire, l’associazioni cardiotrapiantati ha messo a disposizione il seguente conto corrente postale: 12621355, che deve essere intestato l’associazione, sezione di Padova e nella causale specificare che il contributo è per il bambino.
(Stefania Miotto)

Parlano di noi, Rassegna Stampa
Come ci puoi aiutare
donando il tuo 5x mille

(da riportare in dichiarazione)

facendo una donazione libera
Conto corrente Postale n. 12860359
intestato a Associazione Erika Onlus Via Spino 77/D -35010 San Giorgio in Bosco (PD)
IBAN: IT 35 I 07601 12100 000012860359
Conto corrente bancario presso:
Banca Friuladria Filiale di San Giorgio in Bosco
IBAN - IT13P0533663060000040067458
Diventa un volontario